scarpe adidas un bambino nato in aereo water

un bambino nato in aereo water trovato vivo nel cestino

l’anonimo ventinovenne samoano madre ha lasciato un pacific blue volo da samoa ad auckland, giovedì scorso, dopo aver partorito durante il volo.

poco dopo, addetti alle pulizie ha trovato il neonato mentendo in sangue gli asciugamani di carta in un bagno di bin.

il caso fece notizia in nuova zelanda e samoa e indotto i funzionari a difendere a controllare le procedure e le avvertenze sui rischi per la salute pubblica che pesantemente le donne incinte non devono volare.

detective ispettore di polizia mark gutry ha detto che la donna è stata accusata di abbandono che comporta una pena massima di sette anni di reclusione e figlio di aggressione.

la madre potrebbe anche di fronte a una multa di 100.000 dollari per nz (e41000) e altri sette anni di prigione per aver omesso di rivelare informazioni sulla gravidanza, una violazione della legge sull’immigrazione del paese.la madre era riferito a tornare in nuova z scarpe a scarpe adidas didas elanda per riprendere il lavoro come raccoglitore di frutta quando sua figlia era nata.

ha subito un intervento chirurgico in un ospedale di giovedì scorso dopo la auckland senza nascita e successivamente fu riunita con il suo bambino.

si pensa che il bambino è stato concepito in nuova zelanda quando la madre era tra 100 samoano lavoratori a kiwi pe scarpe adidas r un frutto con ferma nella baia di abbondanza dello scorso anno.

il bambino fu scoperta quando un samoano professionista, che lavora come donna delle pulizie, visto il suo braccio sposta nel cestino circa 20 minuti dopo che l’aereo è atterrato.

ha chiuso il coperchio della 50 litri pattumiera e chiamato al suo co – worker “c’e ‘un bambino nella spazzatura”.

un altro samoano pulitore ha preso la ragazza scarpe adidas , che era circondata da un fazzoletto di carta, all’improvviso una borsa e avvolto il bambino in una coperta.

la donna che ha trovato la sua taglia il cordone ombelicale e la lavanderia dato il bambino a un assistente di volo che ha consegnato l’ambulanza personale.

la madre era stata in bagno per circa 10 minuti dopo che l’aereo è atterrato e gli altri passeggeri.funzionari trovata in aeroporto e hanno preso lei e il bambino in ospedale.